PROBLEMATICA AFFRONTATA E RISULTATO ATTESO

L’azienda manifestava la necessità di strutturare un sistema di analisi e gestione dei rischi conforme al D.lgs 231/2001 (responsabilita’ amministrativa degli Enti) con l’intento di garantirsi una maggiore tutela. Considerato che una delle aree aziendali a rischio maggiormente significativo è quello legata alla sicurezza sul lavoro, il Modello 231 doveva includere la realizzazione di un nuovo Sistema di Gestione per la Sicurezza conforme alla norma OHSAS 18001. Il tutto perfettamente integrato con i sistemi di gestione gia’ presenti in azienda.

SETTORE

logistica

DESCRIZIONE DEL PROGETTO E SOLUZIONI ADOTTATE

Il percorso si è strutturato in modo da sviluppare sin dall’origine un unico concetto di rischio ed un solo metodo di valutazione dei rischi, che portasse all’integrazione dei sistemi 231 e 18001 generalmente concepiti come sistemi indipendenti.
L’attività si è svolta nelle seguenti fasi:
– Analisi del rischio integrata condotta mediante interviste ai process owner focalizzate sia sulle fattispecie di reato previste dal Dlgs 231/2001 che sugli adempimenti sicurezza sul lavoro, con un approccio concreto alla valutazione del rischio comparabile tra i due sistemi.
– Realizzazione di un metodo di valutazione del rischio di tipo quantitativo e non solo qualitativo, mutuabile dall’approccio tipico della sicurezza sul lavoro ed esteso al modello 231, ottenendo come risultato l’attribuzione di livelli rischio (sia in ottica 231 che di sicurezza) sulla base di criteri omogenei e definiti.
– Individuazione dei gap esistenti tra prassi e normativa e delle condotte maggiormente a rischio con conseguente definizione di un piano di miglioramento volto ad abbassare i livelli di rischio rilevati.
_ Strutturazione di un general manual contenente procedure integrate con quelle gia’ esistenti in azienda.
– Formazione del personale integrata in materia di 231 e di sicurezza sul lavoro .

RISULTATI RAGGIUNTI

  • Strutturazione di un unico metodo e approccio alla valutazione dei rischi sia in ambito 231 che sicurezza sul lavoro.

  • Mappatura puntuale delle condotte aziendali piu’ rischiose che possono portare alla commissione di un reato.

  • Due diligence in ambito sicurezza ed ambiente ed individuazione delle procedure e prassi da introdurre o monitorare per limitare e presidiare i livelli di rischio.

  • Elevato coinvolgimento del personale nell’ individuazione delle aree piu’ a rischio con conseguente maggiore consapevolezza su quali sono gli aspetti maggiormente bisognosi di controllo.