Aggiornato il catalogo dei reati 231 con delitti in materia di privacy

I delitti sulla privacy, la frode informatica con sostituzione dell’identità digitale e l’indebito utilizzo e falsificazione di carte di credito entrano a far parte del catalogo dei reati che fanno scattare la responsabilità delle società a norma del DLgs 231/2001.

A prevederlo è l’articolo 9 del DL 14/8/2013, n. 93 contenente disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere.

Ma se l’introduzione dei reati di frode informatica e di contraffazione di carte di credito non comporta per le aziende importanti conseguenze sotto il profilo operativo, i delitti in materia di privacy risultano di grande impatto, soprattutto per la configurazione della responsabilità per l’illecito trattamento dei dati, violazione potenzialmente in grado di interessare l’intera platea delle società commerciali.

A evidenziare questa circostanza è la Corte di Cassazione, con la recente relazione III/01/2013 del 22/8/2013 che ha fornito una prima interpretazione sulle novità apportate dal citato Dl 93/2013.

[la lettura integrale della news è riservata ai clienti abbonati al servizio news D.Lgs 231]

Se desiderate verificare l’aggiornamento del Modello Organizzativo della vostra organizzazione o eseguire un check-up sui soli reati in materia di Privacy, i consulenti del Gruppo RES sono a vostra disposizione.

Non esitate a contattarci!