APL Agenzie per il lavoro: senza norme, vietate le copie dei documenti di identità

Le agenzie per il lavoro, in occasione di colloqui conoscitivi, possono acquisire e conservare copia dei documenti di identità, utilizzati per identificare le persone, solo se previsto da specifiche norme.

Lo precisa il garante per la Privacy a seguito della segnalazione di una persona che lamentava una violazione dei principi di pertinenza e non eccedenza posti a tutela dei suoi dati personali. In occasione di un colloquio conoscitivo, infatti, l’agenzia per il lavoro presso cui si era presentato aveva acquisito copia del suo documento di identità. L’Autorità, dopo aver valutato le attività della società, ha osservato che, mentre è lecito per l’agenzia procedere alla corretta identificazione degli aspiranti lavoratori chiedendo l’esibizione di un documento di identità ed eventualmente annotandone gli estremi, deve invece ritenersi eccedente acquisire copia del documento stesso. Le copie dei documenti di identità contengono dati personali, come le fotografie dell’interessato, le caratteristiche fisiche e lo stato civile, non pertinenti alle finalità per le quali venivano raccolti (presentazione del curriculum e colloquio conoscitivo). L’Autorità ha, peraltro, richiamato l’attenzione sui rischi che l’acquisizione e la conservazione di copie di questi documenti in termini di duplicazione, perfino di furto di identità.

Il Garante ha perciò vietato alla società di conservare le copie dei documenti di identità dei candidati e ha prescritto che l’identificazione degli aspiranti avvenga con la semplice annotazione dei dati essenziali, senza alcuna conservazione di documenti identificativi.

Lo stesso può essere applicato a situazioni analoghe quali quelle di colloqui di selezione del personale o raccolta di documenti identificativi in banca o altri enti in cui non sia necessario lasciare il documento in copia ma solo scrivere gli estremi identificativi per sincerarsi dell’identità’ del soggetto.